HOME CATEGORIE CONTATTI
CERCA RICETTA O ARTICOLO

QUALI SONO I FORMAGGI STAGIONATI

Formaggi stagionati, quali sono e in cosa si differenziano dagli altri tipi di formaggi. Ecco una lista dettagliata per capire quali sono i formaggi stagionati e come riconoscerli tra tutti gli altri.

I formaggi stagionati sono tutti quei formaggi che hanno un periodo di stagionatura che va generalmente da un minimo di 6 mesi ad un massimo di 30 mesi. In realtà comunque esistono anche i formaggi a stagionatura media che hanno un periodo di stagionatura inferiore ai 6 mesi ma che va oltre il primo mese. Dai 6 mesi in su si parla di stagionatura lenta. La durata della stagionatura ne cambia il sapore, il colore e le sostanze nutritive di ogni tipo di formaggio.
Grazie al periodo che il formaggio stagionato passa in salamoia perde i liquidi in eccesso facendo sì che si esalti il grado di sapidità che caratterizza così ogni tipo di formaggio. I formaggi stagionati sono più digeribili dei formaggi freschi a causa della trasformazione di alcune molecole di grasso chiamata "lipolisi" e proprio per questo motivo sono spesso consigliati dai dietologi in molte diete. Il livello di calorie è invece mediamente più alto dei formaggi freschi.


Per fare una lista più pratica, vediamo quali sono i formaggi stagionati più famosi e più venduti:

  • parmigiano reggiano e grana padano, tra i più costosi in commercio, ma i più consumati e richiesti per la loro facile digeribilità che per assenza di muffe. Sono anche i formaggi che i pediatri consigliano per i più piccoli nei primi anni di sviluppo;

  • pecorino, nelle loro varianti più famose tra quello sardo e quello romano, scopri qui la differenza tra pecorino sardo e pecorino romano;

  • gorgonzola, di origina lombarda è un formaggio ricco di muffe è prodotto da latte di mucca;

  • scamorza è un formaggio a pasta filata prodotto da latte vaccino. La sua variante affumicata è molto più nota e gustosa. In Campania se ne produce anche una versione con latte di bufala;

  • fontina è un formaggio grasso a pasta semicruda conosciuto anche in Francia. E' fabbricato con latte intero di vacca;

  • taleggio, è un formaggio bergamasco di forma quadrata e a pasta molle. Ha una stagionatura che varia tra 35 e 40 giorni;

  • caciocavallo, formaggio a pasta filata tipico dell'Italia meridionale prodotto con latte molto grasso.

  • puzzone è un formaggio a pasta semicotta e semidura fabbricato con latte di vaccino crudo.


Esistono vari tipi di stagionatura: la stagionatura a maturazione breve, la stagionatura a maturazione media e la stagionatura a maturazione lenta caratterizzati nella differenze del periodo di stagionatura e successiva vendita al pubblico. Ogni formaggio stagionato ha una sua caratteristica personale che lo diversifica da qualunque altro formaggio, proprio per questo ogni formaggio ha diversi tipi di abbinamenti di vini, frutta o dolci che ne richiamano in qualche modo il retrogusto. Per esempio, con i formaggi stagionati a maturazione lenta è ottimo l'abbinamento con varietà di miele non troppo dolci così che il miele delicato possa esaltarne la sapidità.
ALTRI CONSIGLI E RICETTE
Benefici formaggio di capra
Come fare la ricotta a casa
Formaggi meno calorici
COSA NE PENSI? LASCIA UN COMMENTO
SEGUICI SU FACEBOOK
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
RECENTI
Differenza tra prosciutto crudo e culatello
Pastella per fiori di zucca fritti
Peperonata in agrodolce siciliana
Funghi champignon ripieni
Come cucinare una frittata semplice
I PIU' LETTI
Cosa sono le animelle
Differenza mazzancolle e gamberi
Come cucinare l'hamburger
Differenza tra provola e scamorza
Impanatura senza uova
Cos'è SuperCuoca Contatti