HOME CATEGORIE CONTATTI
CERCA RICETTA O ARTICOLO

COME SI FA L'OLIO D'OLIVA

Come si fa l'olio d'oliva, quali sono i procedimenti che trasformano le olive raccolte dall'albero in delizioso olio da versare sui nostri piatti.

Uno dei principali utilizzi delle olive è quello di ricavarne l'olio d'oliva extravergine o meno che sia. L'olio d'oliva ha la principale funzione di rendere più piacevoli e più gustose le ricette che prepariamo ma anche la facoltà di immettere nel nostro corpo il cosiddetto colesterolo buono cioè particolari molecole di grasso in grado di eliminare il colesterolo cattivo dal nostro sangue e allontanare quindi l'eventuale rischio di malattie cardiovascolari.
Fatta questa piccola premessa, vediamo nel dettaglio come si fa l'olio d'oliva e quindi quali sono i procedimenti industriali che permettono di estrarre olio dalle olive appena raccolte dagli alberi.

Prima di tutto, le olive vengo raccolte da operai che le raccolgono dal terreno dopo che un macchinario le ha fatte cadere scuotendo gli alberi. Una volta questo procedimento era effettuato battendo gli alberi con una canna: il colpo faceva cadere le olive a terra e si raccoglievano. C'è ovviamente chi per ragioni economiche effettua ancora questo lavoro manualmente.
Successivamente le olive vengono portate al frantoio dove vengono eliminate foglie, rami e qualsiasi altra impurità finita lì in mezzo per sbaglio: le foglie finiscono in un grande cesto, le olive in un altro cesto.
Un particolare macchinario chiamato "lavatrice" lava le olive con normale acqua.
Così le olive appena lavate e pulite da terra e detriti finiscono in un macchinario che ha il compito di frantumarle una ad una.
Le olive appena frantumate vengono temporaneamente sistemate nella vasche di gramolazione con lo scopo di mescolare la massa oleosa che si è formata dalla frantumazione per favorire poi la separazione dei liquidi dalla sansa (la parte solida).


Le olive passano ora in una potente centrifuga in grado di separare i vari elementi delle olive in base al loro peso specifico: roteando velocemente, la parte più solida viene spinta verso l'esterno.
L'olio d'oliva è pronto, uscirà da un apposito rubinetto collegato alla centrifuga, conservato in apposite cisterne e successivamente imbottigliato.

Ora che sai come si fa l'olio d'oliva nelle grandi aziende alimentari e che fa anche bene al corpo, abbonda pure con l'olio d'oliva crudo sui tuoi piatti (ma senza esagerare se non vuoi accumulare calorie) e magari un giorno ti spiegherò anche come farlo a casa propria con mezzi rudimentali.
ALTRI CONSIGLI E RICETTE
Cucinare con olio di cocco
Come filtrare l'olio d'oliva in casa
Frittata senza olio al forno
COSA NE PENSI? LASCIA UN COMMENTO
SEGUICI SU FACEBOOK
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
RECENTI
Le uova fanno ingrassare?
Migliori padelle antiaderenti
Sale kosher: cos'è?
La mortadella è cotta?
Gorgonzola in gravidanza
I PIU' LETTI
Cosa sono le animelle
Differenza tra provola e scamorza
Se la frolla è troppo dura
Differenza mazzancolle e gamberi
Spaghetti con astice congelato
Cos'è SuperCuoca Contatti