HOME CATEGORIE CONTATTI
CERCA RICETTA O ARTICOLO

COME CONSERVARE IL TARTUFO NERO

Non sai come conservare il tartufo appena raccolto? Ecco come conservare il tartufo nero a casa in poche semplicissime mosse.

Nonostante il suo costo molto elevato, a causa dei suoi forti profumi e sapori il tartufo può piacere ma può anche non piacere.
Se avete la fortuna di ritrovarvi in una zona ricca di tartufo nero dove è possibile andare per boschi a cercarlo o se magari un amico vi ha regalato dei piccoli tartufi neri, potrebbe tornarvi utile questa semplice guida su come conservare il tartufo nero. Abbiamo a disposizione tre diversi metodi per conservarlo in casa con utensili alla portata di tutti.

In tutti questi casi non lavate mai il tartufo prima di conservarlo, andrà lavato solo prima del suo utilizzo in cucina. Dategli solo una spolverata con una spazzola con setole non troppo dure e, se ancora troppo sporchi di terra, metteteli sotto l'acqua per un istante, spolverateli e tamponateli con della carta da cucina immediatamente asciugandoli alla perfezione.

Primo metodo per conservare il tartufo nero.
Come appena indicato, non lavate il tartufo ma avvolgetelo direttamente con della carta assorbente da cucina. Riponetelo in una confezione ermetica (di plastica o vetro va bene) e lasciatelo in frigo ad una temperatura tra 2° e 5° dove potrà restare fino a 10 giorni.
In questo caso, grazie ai forti profumi che sprigionerà il tartufo, potrete aromatizzare altri ingredienti semplicemente lasciandoli dentro la confezione insieme al tartufo: potrete mettere ad esempio del burro o delle uova.


Secondo metodo per conservare il tartufo nero.
In una confezione ermetica o in un barattolo di vetro adagiate uno strato di riso spesso 1 o 2 cm e mettete sopra il vostro tartufo nero. Ricopritelo completamente con altro riso che avrà la capacità di assorbire tutta l'umidità. Anche in questo caso lasciatelo in frigo ad una temperatura molto fresca dove potrà conservarsi per 12-15 giorni.
Il riso assorbirà gli intensi odori del tartufo, sarà quindi un ottimo modo per cucinare del riso aromatizzato al tartufo nero.

Terzo metodo per conservare il tartufo nero.
Utilizzate dei sacchetti sotto vuoto per conservare il tartufo nero. Mettete i tartufi nel sacchetto, togliete l'aria e mettete in freezer dove potrà essere conservato fino a 6 mesi.

Tenete bene in mente che i procedimenti per conservare il tartufo appena indicati si riferiscono solo al tartufo nero e non a quello bianco.
ALTRI CONSIGLI E RICETTE
Salmone croccante
Differenza tartufo nero e bianco
COSA NE PENSI? LASCIA UN COMMENTO
SEGUICI SU FACEBOOK
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
RECENTI
Sgombro in scatola: fa male
Conserva di zucca in agrodolce
Come fare la giardiniera
Come conservare il tartufo nero
Come conservare carciofi al naturale
I PIU' LETTI
Cosa sono le animelle
Differenza tra provola e scamorza
Differenza mazzancolle e gamberi
Come cucinare l'hamburger
Spaghetti con astice congelato
Cos'è SuperCuoca Contatti