HOME CATEGORIE CONTATTI
CERCA RICETTA O ARTICOLO

LA MORTADELLA È COTTA?

La mortadella è sicuramente molto particolare e diversa dagli altri insaccati. Avere dei dubbi sulla sua produzione è quindi normale così come chiedersi se la mortadella è cotta o meno. Vediamo i vari passaggi di produzione della mortadella per capire se è cruda oppure no.


Immagine: http://www.osteriaanticadispensa.com/menus/mortadella-al-pistacchio-di-bronte/
La mortadella è un insaccato tipicamente italiano che una buona parte del mondo ci invidia. Fatto di sola carne suina e lardo, alla mortadella vengono aggiunte anche delle spezie. Alcune varianti sono fatte con il fegato.

Viene prodotta in varie zone d'Italia. Ma la mortadella di Bologna è l'unica ad avere la certificazione IGP. Questa sigla ne riconosce l'Indicazione Geografica Protetta. Per questo motivo ne rappresenta il prodotto tipico della zona.

La prima ricetta ufficiale della mortadella viene fatta risalire al bolognese Vincenzo Tanara che visse nel XVII secolo. La sua antica ricetta è praticamente uguale alla ricetta che conosciamo oggi. Solo la percentuale di grasso di maiale usato è cambiato nel tempo: il 30% di lardo usato anticamente contro il 15% di oggi.

Se sei incinta vorrai probabilmente scoprire se la mortadella è cotta. Quello dei salumi crudi è infatti un problema da affrontare per evitare la toxoplasmosi in gravidanza. Per tranquillizzarti posso dirti subito che la mortadella è cotta.

Ma com'è fatta una mortadella? E soprattutto, perchè la mortadella è cotta? Per rispondere alle domande vediamo i vari passaggi di produzione della mortadella:
  • macinatura

  • impastatura

  • insacco

  • cottura della mortadella

  • confezionamento


Durante la macinatura della carne di maiale la temperatura può aumentare. Per evitare che ciò accada si congelano preventivamente le materie prime a quasi -20° C.
Durante la prima fase di produzione della mortadella si passa dalla macinatura alla miscelazione all'interno di un grosso tritacarne. Il macchinario (e chi lo guida) ha il compito di impostare il giusto grado di raffinazione dell'impasto. E' così che si sceglie lo spessore della carne trita.

Nell'impastatrice si aggiungono spezie, aromi e lardo a cubetti, il tipico grasso bianco che si vede nella mortadella quando se ne ricava una fetta. Durante questa fase si raggiunge un impasto omogeneo e ben miscelato.

L'impasto ottenuto viene insaccato all'interno di un budello naturale o sintetico. Sempre più spesso si usa un budello sintetico. In questa fase di determina la tipica forma della mortadella. Vengono prodotte mortadelle da qualche centinaio di grammi fino ad enormi mortadelle di 30 kg.

Riposte su dei carrelli, le mortadelle vengono cotte al forno ad una temperatura di 75° C per circa 24 ore. Quindi, rispondendo alla domanda iniziale, si può affermare che la mortadella è cotta.

Dopo la cottura della mortadella si elimina l'involucro usato per la cottura e si passa al confezionamento.

Per completare l'intero processo produttivo si impiegano circa 4 giorni. Le future mamme possono mangiare la mortadella.

Ora che sai per certo il procedimento di lavorazione della mortadella, puoi star certa che la mortadella in gravidanza non rappresenta un problema.
Ci sono altri salumi che si possono mangiare in gravidanza. Ad esempio, il prosciutto cotto è appunto cotto. Ma anche la fesa di tacchino o di pollo.
ALTRI CONSIGLI E RICETTE
Nella pancetta c'è il lattosio?
Salame Felino: cos'è?
Le differenze tra guanciale e pancetta
COSA NE PENSI? LASCIA UN COMMENTO
SEGUICI SU FACEBOOK
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
RECENTI
Le uova fanno ingrassare?
Migliori padelle antiaderenti
Sale kosher: cos'è?
La mortadella è cotta?
Gorgonzola in gravidanza
I PIU' LETTI
Cosa sono le animelle
Differenza mazzancolle e gamberi
Come cucinare l'hamburger
Differenza tra provola e scamorza
Impanatura senza uova
Cos'è SuperCuoca Contatti